Patrimoni d’interesse: la conservazione della città del Novecento a Pescara tra mito e realtà

Claudio Varagnoli

Abstract


Nata dalla fusione di due nuclei preesistenti, Pescara ha costruito di sé un’immagine che esclude un centro storico vero e proprio. Questo ha avallato continui interventi di demolizione e sostituzione anche in tempi recenti. Un primo censimento del patrimonio architettonico svolto da L. Bartolini Salimbeni negli anni Novanta mise in luce un’edilizia storica di tutto rispetto, che una variante del PRG, approvata nel 2007, avrebbe dovuto difendere.

Tuttavia le demolizioni recenti di edifici interessanti (la Stazione di Porta Nuova, la ex Centrale del Latte, una filanda dei primi del Novecento) procedono tra le proteste di cittadini e associazioni. Il Comune ha cercato di porre riparo alla situazione, affidando ad un gruppo di esperti la consulenza alla revisione del PRG vigente. E’ stata quindi conclusa una nuova schedatura che riprende e amplia il lavoro di Bartolini Salimbeni. Tuttavia, la giustizia amministrativa ha respinto questi ed altri tentativi di tutela, contestando l’applicazione di norme restrittive da parte del Comune. Solo la Soprintendenza, infatti, potrebbe applicare tali restrizioni. Il saggio pone in luce la necessità di affinare gli strumenti di tutela alternativi ai tradizionali “vincoli”. Ma sottolinea anche come in Italia gli aspetti economici e finanziari del “patrimonio” siano comunque prevalenti. Nuovi pericoli minacciano altri importanti edifici della città, come lo Stadio Adriatico, opera di Luigi Piccinato (1952-56). La questione non riguarda solo la conservazione dei monumenti, ma la salvaguardia della qualità della vita degli abitanti: il rischio è che le nostre città si riducano a semplice merce.

Parole chiave: Pescara, Conservazione, Novecento, Demolizioni, Patrimonio


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14633/AHR030

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Claudio Varagnoli

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne, Centre André Chastel), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

 

                                        

 

     

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.