Il recupero della memoria: parchi e viali della Rimembranza. Primi esiti di una ricerca in Abruzzo

Aldo Giorgio Pezzi, Patrizia Luciana Tomassetti

Abstract


L’imminenza del centenario della Grande Guerra (1914-1918) costituisce una straordinaria occasione per richiamare l’attenzione sul tema della memoria dei caduti, che negli anni immediatamente successivi fu percepito al punto tale da portare all’istituzione, in ogni comune d’Italia, di parchi e viali della Rimembranza, luoghi del ricordo fortemente identitari e di indubbia valenza storica e paesaggistica. Si trattava di ambiti urbani e periurbani in cui l’elemento antropico entrava in simbiosi con quello naturale costituito dagli alberi, da mettere a dimora in numero pari a quello dei caduti in guerra della singola località.  Nel 1926 questi luoghi furono dichiarati monumenti nazionali, tale fu l’importanza percepita dalle istituzioni e dalla collettività. Nel tempo, in particolare al termine della seconda guerra mondiale, viali e parchi, come pure i toponimi, sono stati parzialmente dimenticati e, in molti casi, radicalmente modificati. Per una damnatio memoriae che da sempre i luoghi rappresentativi dei regimi preesistenti hanno pagato, sono cambiati, mortificando così anche il profondo simbolismo sotteso ai luoghi. Sarebbe dunque necessario attuare, nel prossimo periodo e in concomitanza con la ricorrenza del centenario della I guerra mondiale, azioni di tutela e valorizzazione che partano dal riconoscimento di questo patrimonio monumentale - capillare censimento su scala regionale e nazionale, rilievi, raccolta documentaria, costituzione di linee guida per il recupero – al fine di restituire la dignità che meritano agli innumerevoli luoghi della memoria nati nel corso di pochissimi anni nell’Italia del dopo guerra. Si dà inoltre qui conto dei primi risultati del lavoro di censimento-riconoscimento dei parchi e viali della Rimembranza realizzati in Abruzzo.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14633/AHR006

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2014 Aldo Giorgio Pezzi - Patrizia Luciana Tomassetti

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne, Centre André Chastel), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo (Università Mediterranea di Reggio Calabria)

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Francesca Martorano, Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

 

                  

 

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.