III. Borromini architetto e gli altri

Tommaso Manfredi

Abstract


III.1 Tra Maderno e Bernini: disegni per palazzo Barberini alle Quattro Fontane

Questo capitolo analizza il ruolo del giovane Borromini nella progettazione e nella realizzazione del palazzo della famiglia papale dei Barberini alle Quattro Fontane fra Carlo Maderno, che elaborò il progetto iniziale, e Gian Lorenzo Bernini, che prese la direzione dell’opera, dopo la morte di Maderno, il 31 gennaio 1629.

Borromini redasse i primi disegni di progettuali come principale collaboratore di Maderno e quindi fu impegnato nella prima fase attuativa sotto la direzione di Bernini fino al 1632-1633, quando i rapporti tra i due si deteriorarono irrimediabilmente.

Ciò appare congruente con la convinzione espressa da Borromini a monsignor Virgilio Spada che il palazzo fosse interamente opera sua.

L’autoattribuzione di Borromini del palazzo Barberini, raccolta da Spada e tramandata anche dal biografo Giovanni Battista Passeri (ante 1679) e dal nipote Bernardo Castelli (1685), è qui confrontata con l’analisi di alcuni disegni riguardanti la facciata principale (ovest), la facciata posteriore (est) e il portale del salone, intesi come elementi chiave per definire il suo effettivo apporto creativo prima dell’inizio della sua carriera di architetto indipendente.

 

III.2 Tra Peparelli e Rainaldi: progetti per monsignor Alfonso Gonzaga

Un documento d’archivio del 1644 associa il nome di Francesco Borromini a un modesto intervento edilizio da compiere in un palazzo a Montecitorio appartenente a un “monsignor Gonzaga”, finora sconosciuto, ma ora identificabile con l’arcivescovo emiliano Alfonso Carlo Gonzaga (1588-1649).

Questo saggio identifica il palazzo in quello, adiacente la Curia Innocenziana, fatto costruire dal cardinale Domenico Toschi a partire dal 1617, appartenuto alla famiglia Guidi di Bagno dal 1622, ai padri Trinitari della Missione dal 1659, e infine alla Camera dei Deputati; ne delinea le poco note fasi costruttive seicentesche, e chiarisce l’effettivo ruolo svolto in esse da Borromini. In questo contesto vengono messi in luce gli apporti di Francesco Peparelli, come architetto del primo nucleo del palazzo, realizzato tra il 1618 e il 1621, per conto del cardinale Toschi, e di Carlo Rainaldi, come probabile autore di due progetti di ampliamento per conto dei padri della Missione, uno realizzato nel 1664-66, e l’altro rimasto irrealizzato, riferibile al 1676.

Allo stesso Alfonso Gonzaga vengono riferiti tre disegni di Borromini per una cappella privata, conservati presso la Kunstbibliothek di Berlino. Questi disegni consentono di ricomporre gli elementi essenziali di un progetto, finora sconosciuto, che anticipava alcune soluzioni adottate a scala più ampia nel tiburio della chiesa di Sant’Andrea delle Fratte.


Parole chiave


Francesco Borromini; architetto; professione; corporazione; Accademia di San Luca; architetti ticinesi; capomastri ticinesi; Roma; Carlo Maderno; Gian Lorenzo Bernini

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2022 Tommaso Manfredi

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 - Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua, Nino Sulfaro

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.