Baldassarre Fontana (1661-1733): alcune note e considerazioni sui linguaggi d’area romana nei cantieri polacchi e moravi

Federico Bulfone Gransinigh

Abstract


L’articolo si pone come obbiettivo l’analisi del rapporto fra decorazione plastica e architettura attraverso l’indagine e la lettura dei linguaggi propri dell’attività di Baldassarre Fontana, cugino del più noto Carlo. Lo studio di alcuni cicli di decorazione e alcune architetture eseguite da Baldassarre in Moravia e in Polonia permetterà di sottolineare gli elementi di innovatività nei linguaggi utilizzati dall’architetto e stuccatore di Chiasso in relazione con esempi romani fra i quali l’altare maggiore di Santa Maria in Traspontina di Carlo Fontana o la cappella di Santa Cecilia in San Carlo ai Catinari come anche con alcuni progetti del Bernini.

Nell’opera del Fontana si percepisce l’intenzione di capovolgere i rapporti tra architettura e scultura, cercando di raggiungere nella scultura il maggior distacco possibile dalla tessitura statica dell'architettura e, in altri cantieri, l’approccio rivela un’accentuata sperimentazione già protesa verso il rococò.

Il saggio prenderà in considerazione alcuni casi fra i quali la decorazione della chiesa di Sant’Anna a Cracovia datata 1695-1704 e la decorazione plastica a basso spessore realizzata sulle volte tardo gotiche di palazzo Zydowski, sempre a Cracovia. Interessanti, inoltre sono gli esempi di palazzo Wawrzyniec Wodzicki o la serie di monumenti funebri progettati sia in Polonia che in Moravia. Il saggio si compone anche di una lettura della tecnica dello stucco attuata da Baldassarre Fontana, analizzando le pratiche di cantiere utilizzate anche in area romana.


Parole chiave


Baldassarre Fontana; stucco; architettura barocca; Polonia; Roma

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.14633/AHR313

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2021 Federico Bulfone Gransinigh

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterraneadi Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 - Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua, Nino Sulfaro

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.