Il «discorso per immagini» di Superstudio: dal Monumento Continuo alla Supersuperficie, 1968-1971

Beatrice Lampariello

Abstract


Con il biglietto di auguri natalizi del 1968 in forma di manifesto, Superstudio inaugura quella produzione di fotomontaggi destinata a rendere celebre il gruppo. È pero in occasione del concorso dedicato al tema Architettura e Libertà, indetto nel 1969 dalla Biennale Trinazionale di Graz, che il fotomontaggio diventa per Superstudio lo strumento grafico privilegiato per la costruzione di un «discorso per immagini», una narrazione nella quale relazioni di progetto e forme tradizionali della rappresentazione architettonica vengono sostituite da immagini raffiguranti enigmatici volumi, apparentemente privi di funzione e disponibili a molteplici interpretazioni. Rispetto alle analoghe e contemporanee immagini prodotte, tra gli altri, da Yona Friedman e Archigram, i fotomontaggi di Superstudio non intendono conferire veridicità a futuristiche visioni urbane e territoriali. Gli impenetrabili solidi, concepiti al di là di ogni programma o logica strutturale, sono espressione di una razionalità assoluta e di quell’ordine che Superstudio ricerca sin dalla sua fondazione per allontanare crisi e incertezze dell’epoca contemporanea.

Le tecniche grafiche utilizzate dal gruppo per le proprie rappresentazioni evolvono nel corso degli anni e vengono modificate per ottenere effetti diversi, tutti comunque orientati alla costruzione di un forte realismo ambientale, il più lontano possibile da suggestioni fumettistiche o di sorpresa. Così attraverso il «discorso per immagini» di Superstudio e la sua evoluzione tecnica, diventa eloquente il percorso teorico del gruppo che, dopo aver immaginato una nuova forma di occupazione del suolo configurata quale monumentale struttura lineare infinita che traversa città e paesaggi vergini - il Monumento continuo -, mette in scena la dissoluzione dei limiti convenzionali dell’architettura, per procedere verso una sua rifondazione «non fisica». Del resto, l’«allegra morte dell’architettura non dovrebbe far paura a nessuno: è molto che ci prepariamo, distaccandoci sempre più dalla fisicità della costruzione», come rivela uno dei membri del gruppo nel 1971.

Parole chiave: Superstudio, fotomontaggio, «discorso per immagini», Monumento Continuo, Supersuperficie


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14633/AHR028

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Beatrice Lampariello

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterranea di Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.