La spedizione Saint-Non in Sicilia orientale: da Messina a Catania tra paesaggio e antichità

Francesca Passalacqua

Abstract


Nella seconda metà del Settecento siti archeologici rinomati e una natura prorompente attiravano in Sicilia viaggiatori provenienti da molte parti d’Europa che intendevano concludere nell’isola il loro Grand Tour alla ricerca del pittoresco e del sublime in città, rovine e paesaggi di un territorio mediterraneo considerato mitico e selvaggio.
Il Viaggio in Sicilia di Johann Hermann von Riedesel del 1771 costituiva l’avanguardia dei resoconti dei Grand Tour settecenteschi, insieme a A tour through Sicily and Malta di Patrick Brydone del 1773. Questi autori con stile disinvolto e leggero avevano reso popolare l’immagine della Sicilia molto più di Jacques Philippe D’Orville nel suo scritto Sicula quibus Siciliae veteris rudera illustrantur, resoconto in lingua latina del suo viaggio del 1727, pubblicato postumo nel 1764.
Il quarto volume del Voyage pittoresque ou description des royaumes de Naples et de Sicile di Jean-Claude Richard Abbé de Saint-Non, pubblicato in due parti nel 1785 e 1786, segnò il punto di arrivo degli interessi artistici, archeologici e naturalistici dei tanti viaggiatori che erano giunti nell’Isola in quegli anni. Questi furono rappresentati simbolicamente da Dominique Vivant Denon, incaricato da Saint-Non di descrivere a parole i luoghi e i monumenti, descritti anche attraverso le immagini degli artisti che lo accompagnavano durante il viaggio. L’abate, come aveva fatto nei tre precedenti volumi, anche nel quarto volume aveva smontato e rimontato i testi del diario di Denon, pubblicati in forma originale solo in un secondo momento, e solo nel caso della Sicilia (Voyage in Sicile, 1788).
Il diario di Denon, pubblicato dopo dieci anni dalla sua redazione originale e senza i corposi approfondimenti storici aggiunti in un secondo momento da Sain-Non, mantenne intatta la freschezza delle impressioni di viaggio dell’autore. Esso costituirà il principale riferimento di questo contributo che intende ripercorrere il viaggio da Messina a Catania, sulle tracce delle strade della Sicilia orientale, anche attraverso le immagini tramandate dagli artisti che lo accompagnavano: il pittore paesaggista Claude-Louis Châtelet e gli architetti Louis-Jean Desprez e Jean-Augustin Renard.


Parole chiave


Sicilia orientale; spedizione Saint-Non; paesaggio; architettura

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.14633/AHR090

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Francesca Passalacqua

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterraneadi Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 - Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua, Nino Sulfaro

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.