Interpretazioni del Medioevo nell’Italia centro-meridionale

Margherita Eichberg

Abstract


Il saggio propone un confronto tra l'interpretazione del Medioevo in Francia e quella nell'Italia Centrale e meridionale. Il processo di damnatio memoriae durante la rivoluzione francese provocò la distruzione dei più importanti monumenti ed edifici medievali. La conseguenza di questa vasta distruzione, in seguito, fu l'interesse verso l'architettura gotica e il suo restauro nel suo supposto stile originale. Questo fenomeno coinvolse storici e studiosi nella riscoperta la cultura medievale che, nell'ambito dell'architettura, ebbe Viollet-le-Duc come grande protagonista. Il processo di riappropriazione del passato medievale, adottato in Francia da Viollet-le-Duc, venne introdotto in Italia grazie ad alcuni architetti, tra i quali Giuseppe Partini che, A Siena, formò un gruppo di artigiani e decoratori con grandi abilità nel riprodurre forme e decorazioni medievali. Ciononostante, come mostrano gli esempi citati all'interno del saggio, il riferimento al Medioevo nel XIX secolo, a volte è solo una generica citazione di forme e linguaggi provenienti dal passato. Tuttavia, a seguito del terremoto che nel 1908 distrusse città e villaggi nell'area dello Stretto di Messina, la ricostruzione o la nuova costruzione in stile Gotico di palazzi, castelli e chiese, non può essere paragonabile alle raffinate esperienze di Viollet-le-Duc in Francia.


Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.14633/AHR046

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2017 Margherita Eichberg

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterraneadi Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 - Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua, Nino Sulfaro

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.