Attacco al Castello: accessibilità alle strutture fortificate. Il caso del colle Cidneo e il castello di Brescia

Alberto Arenghi, Mariachiara Bonetti

Abstract


L’accessibilità ad una struttura fortificata è molto intrigante se si pensa che in una certa misura occorre studiare una “strategia di attacco” per trovare i punti “deboli” di un complesso concepito per essere inespugnabile e dunque inaccessibile dall’esterno.

La sfida dell’accessibilità di un castello diviene spesso quindi la sua raggiungibilità che oggi deve essere garantita a tutti per una corretta declinazione del significato del concetto di valorizzazione. L’accessibilità di un luogo antico rimanda alla possibilità di avere “memoria” individuale e collettiva, tangibile ed intangibile, che permetta di perseguire uno sviluppo sostenibile secondo quanto rimarcato da documenti internazionali più recenti.

Gli elevati dislivelli da superare, i percorsi tortuosi spesso presenti, gli ambienti distribuiti in più corpi di fabbrica pongono non facili interrogativi a cui dare risposte progettuali compatibili non semplici anche se, forse, la questione principale rimane, come per molti altri beni culturali, la destinazione d’uso e i temi gestionali ad essa legati.

Queste considerazioni verranno trattate con particolare riferimento al colle Cidneo e al suo castello presenti nel centro storico di Brescia.


Parole chiave


Accessibilità, Castello, Brescia, Cidneo, Valorizzazione

Full Text

PDF


DOI: https://doi.org/10.14633/AHR073

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Alberto Arenghi, Mariachiara Bonetti

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 4.0 International License.

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

ArcHistoR è una rivista open access e peer reviewed (double blind), di Storia dell’architettura e Restauro, pubblicata dall’Università Mediterraneadi Reggio Calabria. La rivista ha cadenza semestrale. È una rivista di Classe A (ANVUR) per l’Area 08 - Ingegneria civile ed Architettura, settori C1, D1, E1, E2, F1.

Comitato scientifico internazionale

Maria Dolores Antigüedad del Castillo-Olivares (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), Monica Butzek (Kunsthistorisches Institut in Florenz), Jean-François Cabestan (Université Paris 1 - Panthéon Sorbonne), Alicia Cámara Muñoz (Universidad Nacional de Educación a Distancia de España), David Friedman (Massachussets Institute of Technology), Alexandre Gady (Université Paris-IV-Sorbonne), Jörg Garms (Universität Wien), Miles Glenndinning (Scottish Centre for Conservation Studies, University of Edinburgh), Christopher Johns (Vanderbilt University, Nashville), Mark Wilson Jones (University of Bath), Loughlin Kealy (University College Dublin), Paulo Lourenço (Department of Civil Engineering, University of Minho), David Marshall (University of Melbourne), Werner Oechslin (ETH, Zurich, Stiftung Bibliothek Werner Oechslin, Einsiedeln), José Luis Sancho (Dirección de Conservación de Bienes Histórico-Artísticos, Palacio Real, Madrid), Dmitrij O. Švidkovskij (Moscow Architectural Institute, MARCHI)

Comitato direttivo

Tommaso Manfredi (direttore responsabile), Giuseppina Scamardì (direttore editoriale), Bruno Mussari, Annunziata Maria Oteri, Francesca Passalacqua, Nino Sulfaro

 

........................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................................

Laboratorio Cross. Storia dell'architettura e restauro

    

      

 ISSN 2384-8898

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic License.